Il blog della prima Community dei "Milleuristi & (S)Contenti"

11 luglio 2008

Due pesi e due misure

Non che ci sia necessariamente qualcosa di male nel difendere a oltranza la classe "senior" rispetto a quella "junior" (di male, in fondo, c'è solo la presa di coscienza che perfino i topi sono più evoluti di noi, visto che in condizioni di emergenza si preoccupano di preservare gli esemplari più giovani e non certo i più vecchi), ma che l'Opinione Pubblica adotti sistematicamente due pesi e due misure quando si tratta di paragonare gli uni agli altri non è soltanto un sospetto dettato da malafede o irriverenza generazionale, bensì una consolidata e grottesca realtà.


Fa un incidente un anziano? Poverino, gli saranno sicuramente andati addosso.
Fa un incidente chiunque altro? E' un delinquente strafatto e ubriaco marcio.
Ti passa davanti in coda un anziano? Poverino, è giusto non farlo affaticare.
Ti passa davanti in coda chiunque altro? E' un cafone che non ha rispetto per gli altri.
Non paga il biglietto dell'autobus un anziano? Poverino, non ha i soldi per arrivare alla fine del mese.
Non paga il biglietto dell'autobus chiunque altro? E' un ladro come tutti quelli della sua età.

Una ennesima riprova di questo modo di pensare ce la fornisce Corriere.it di ieri, dove la soglia che delimita la percezione di questo modo di ragionare, a ben vedere, è anche piuttosto subliminale:

CAROVITA, BOOM DI ORTI IN CITTA'
Con un euro di semi 40 chili di pomodori. Quasi 600 appezzamenti regolari, ma dilagano le coltivazioni abusive degli immigrati


In bella vista, quindi, si legge testualmente che «dilagano le coltivazioni abusive degli immigrati».
Peccato, però, che nell'articolo ci sia invece scritto - ancorché diluito e sagacemente nascosto - «Gli anziani milanesi s'impadroniscono in modo più o meno legale di piccoli pezzi di terra per integrare la magra pensione (erosa dall'inflazione) e spendere di meno. Quanti sono? Diverse migliaia. Tra regolari e irregolari [...] Savio Soncini coltiva un orto da 20 anni. Fino a sei anni fa pagava l'affitto. Ora non più»

Cioè, riassumendo: non solo non si fa una grinza sul fatto che stiano proliferando le coltivazioni abusive perché i sedicenti "agricoltori" sono pensionati - al punto che, anzi, è quasi un motivo di orgoglio l'aver trovato questo simpatico escamotage per "risparmiare" -, ma si proietta perfino l'elemento di illegalità sugli immigrati per far presa sul lettore medio che oltre il titolo e il sottotitolo si sa benissimo che non va...

Allora mi chiedo (domanda #1): cosa succederebbe se, anziché pensionati, gli agricoltori abusivi fossero giovani precari? Naturalmente, finirebbero alla gogna perché chissà quali droghe allucinogene si vogliono coltivare, quegli sballati senzadio!
E mi chiedo (domanda #2): cosa succederebbe se, domani, un manipolo di giovani precari si vantasse - come i nostri arzilli anziani milanesi - di aver trovato il modo di risparmiare fregando la roba al supermercato?
Tanto, voglio dire: il principio è esattamente lo stesso...

Claudio

8 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Quindi siamo degli esseri sottosviluppati dal punto di vista sociale perché abbiamo rispetto della gente anziana????

19:20

 
Anonymous Anonimo said...

è OVVIO CHE IN UN PAESE A MAGGIORANZA ANZIANA, VECCHIA DECREPITA (A PARTIRE DA CHI CI GOVERNA) SI CERCHI DI DIFENDERE E PROTEGGERE E GIUSTIFICARE GLI ANZIANI: E' CERTO CHE QUESTI PAESE MORIRA' DI VECCHIAIA!

09:02

 
Anonymous Anonimo said...

E' una tesi sciocca mischiare il rispetto per gli anziani con i problemi che abbiamo noi giovani!
Dividit ed imperia no dire ad un gruppo che il problema è rappresentato dall'altro gruppo e viceversa.
A noi si dice che il problema sono gli anziani ed il loro diritto alla pensione.
Ma agli anziani a loro volta gli si racconta che i loro di problemi son dovuti a quei giovani che preferiscono contratti atipici per non versare i giusti contributi all'inps!
Meditate!!!

13:18

 
Anonymous Anonimo said...

i vecchi all'ospizio! Droga sesso e rock forever!

17:38

 
Anonymous Marco said...

Mi associo alla domanda dell'anonimo 19:20..

20:29

 
Anonymous Anonimo said...

Di norma se sono seduto in un autobus e sale un anziano gli cedo il posto anche se devo sorbirmi 40 minuti di viaggio in piedi!
Così altrettanto avendo pagato regolarmente il biglietto dell'autobus mi girano parecchio a vedere i soliti furbi che salgono a scrocco in massima parte giovani.
Se poi capita l'anziano che sia tardo o che voglia fare il furbo vorrei vedere chi avrebbe il coraggio di vessarlo?

00:35

 
Anonymous Anonimo said...

Diesel +31%
Verde +12%
Pasta +22%
Pane +13%
Rincari annuali a ritmi sudamericani:
un italiano su due non andrà in vacanza!

ahiahiai... :((

18:40

 
Anonymous Anonimo said...

Ho un terrazzo, ci coltivo le erbe aromatiche. Di sotto ho due anziani che coltivano un orto, mi omaggiano di verdure in cambio di quattro chiacchiere. Forse sono fortunato, ma non per questo: perché mi hanno insegnato che la tattica "divide et impera" la usavano già gli antichi romani e prima di loro i greci, che avevano i loro extracomunitari - i meteci. La guerra è di vecchi e giovani POVERI contro vecchi e figli di vecchi MAFIOSI DEL SUD ed EVASORI TOTALI del nord. Il resto son sciocchezze.

00:13

 

Posta un commento

<< Home